SCONFINANDO -
		Festival Internazionale di Musica & Suoni dal Mondo

Ti trovi: Sconfinando / Archivio

ARCHIVIO

Edizione 2015
Edizione 2014
Edizione 2013
Edizione 2012
Edizione 2011
Edizione 2010
Edizione 2009
Edizione 2008
Edizione 2007
Edizione 2006
Edizione 2005
Edizione 2004
Edizione 2003
Edizione 2002
Edizione 2001
Edizione 2000
Edizione 1999
Edizione 1998
Edizione 1997
Edizione 1996
Edizione 1995
Edizione 1994
Edizione 1993
Edizione 1992


Per l'edizione 1991 non è possibile recuperare il materiale.


Testo tratto dalla tesi di Francesca Bellotto
Università La Cattolica di Milano, 16/02/2009
"Economia e gestione dei beni artistici e culturali"

[...] Sconfinando, Festival Internazionale di Musica e Suoni dal Mondo, nasce come progetto artistico-culturale nel 1991 e tutt'ora è un esempio nell'ambito dei festival di eccellenza per qualità, intuizioni musicali e creatività, avendo saputo costruire sinergie giuste e relazioni prestigiose.
Sconfinare oltre i limiti musicali è uno degli obiettivi che questa manifestazione vuole raggiungere sostenendo progetti ambiziosi e costringendo il pubblico a confrontarsi con idee sempre nuove e di forte impatto. Benché la musica domini la scena, l'offerta spazia>> tra altre forme di espressività come la danza contemporanea e il teatro di ricerca.
Si tratta di un progetto culturale di respiro internazionale frutto dell'opera laboriosa, della competenza e della tenacia della direttrice artistica, Carmen Bertacchi (Responsabile dell'Ufficio Cultura del Comune di Sarzana) che ormai da un ventennio sta seminando e costruendo per la propria città qualcosa di speciale sotto l'attenzione dei media. L'idea di realizzare un festival di questo tipo (composto da concerti, performing arts, letture, ecc., a seconda degli artisti presenti nelle edizioni), nasce dalle stesse caratteristiche del contesto in cui si sviluppa: Sarzana, che come tutto il territorio provinciale, è sempre stata etichettata quale terra di confine, luogo di frontiera e contaminazioni culturali. La forza di questo evento è proprio la multiculturalità, il desiderio di divulgare musiche e culture provenienti da più parti del mondo e inserite in un contesto che le vede a confronto, accomunandole nonostante le evidenti diversità.
In ogni edizione (occupando generalmente la prima metà di luglio) è stato affrontato un tema diverso, con l'intento di indagare sui molteplici aspetti musicali e culturali che arrivano dal mondo della world music, del jazz e dai suoni di terre lontane. Sconfinando, infatti, non è un semplice susseguirsi di musica live, ma si prefigge l'intento di ricercare una comunanza universale fra linguaggi espressivi apparentemente lontani, presentando il lavoro di musicisti di fama internazionale e a volte scoprendo talenti originali.
È sufficiente fare solo alcuni nomi degli ospiti intervenuti per dare un'idea della qualità artistica di cui sta trattando: Wim Mertens, Dee Dee Bridgewater, Teresa De Sio, Sarah Jane Morris, Angelique Kidjo, Luis Bacalov, Alda Merini & Giovanni Nuti, Bollywood Brass Band, Karl Potter, Peppe Barra, Richard Galliano, Brad Mehldau, Jan Garbarek, Trilok Gurtu, l'Orchestra di Piazza Vittoria, Charlie Mariano, Monaci tibetani e Dervisci roteanti, Joe Zawinul, e molti altri.
L'aspetto più importante della proposta artistica consiste nella fisionomia di frontiera e d'incontro tra culture ed etnie diverse. Grazie a questa risorsa Sarzana si configura come un osservatorio privilegiato nel quale si imparano a conoscere ed apprezzare tradizioni musicali di diverse etnie e contaminazioni tra vari generi. Il festival ha portato in città centinaia di musicisti provenienti da tutto il mondo restando fedele al proprio progetto culturale volutamente separato dalle consuete logiche di mercato.
L'evento viene riconosciuto come uno spazio di alta qualità, capace di coinvolgere un pubblico colto e curioso, registrando il tutto esaurito sullo sfondo dell'affascinante Cittadella.
Nel 2007 è stato proposto all'interno del programma anche un altro tipo di incontro chiamato 'Sconfinarte' dedicato a mostre di arte performativa contemporanea. Il programma dell'edizione 2008 invece, ha visto la nascita della sezione 'Frequenze Alterate' che, per descriverlo con le parole di Bertacchi, ha l'ambizione di diventare "un incipit a qualcosa che, in un futuro dovrebbe prendere forme più definite: un angolo di intensità, un luogo non luogo, dedicato a voci e autori senza età che si mettono in gioco recitando monologhi" spesso di drammaturgia contemporanea.
La manifestazione è gestita dal Comune tramite "Città di Sarzana - Itinerari Culturali S.c.r.l."; vive grazie ai finanziamenti di Enti Pubblici (Amministrazione Comunale di Sarzana e Regione Liguria) e di sponsor (diversi negli anni), godendo del patrocinio della Regione Liguria e dal 2004 della Soprintendenza Beni Storici e Ambientali - Regione Liguria.
Sconfinando è un contenitore in continua evoluzione compatibilmente con il budget a disposizione della direzione artistica che ne ottimizza l'entità attraverso proposte artistiche sempre all'avanguardia e apportando continui cambiamenti logistici. È stato scelto come partner culturale per "I Concerti della Normale" della prestigiosa Scuola Normale Superiore di Pisa, insieme alle più note manifestazioni della Regione Toscana, proprio grazie al livello di eccellenza degli artisti invitati negli anni e per l'originalità del progetto. Si può parlare in questo caso di un'effettiva convenzione tra "Città di Sarzana - Itinerari Culturali" e l'"Ufficio Gabinetto Attività Culturali della Scuola Normale Superiore di Pisa" nella quale sono previsti sconti e agevolazioni per gli abbonati alle manifestazioni promosse dall'Ente Universitario. Oltre a Sconfinando, infatti, il network include anche: il "Festival Anima Mundi" (Pi), "Armunia - Festival Costa degli Etruschi" (Castiglioncello, Li), "Festival Pucciniano" (Torre del Lago, Lu), Pontedera Teatro (Pontedera, Pi), Associazione musicale Lucchese (Lu), ed altri.
L'evento si avvale fin dalla sua prima edizione del supporto dell'ufficio stampa "Alessandra Martinelli" avente sede a Roma e specializzato nel settore promozionale di eventi musicali e discografici. Da anni il lavoro svolto nell'ambito della comunicazione, unitamente alla qualità delle proposte artistiche, ha portato il Festival sulle pagine di numerose testate giornalistiche, anche internazionali.
L'iniziativa è riconosciuta ormai tra gli appuntamenti più importanti nel panorama nazionale della World Music contribuendo a garantire qualità e continuità all'offerta culturale del Comune nell'ottica di valorizzare il territorio impiegando le proprie risorse e avvalendosi della proficua integrazione tra creatività e tradizione.